La composizione dei vari materiali è nota ed è rappresentata in quella che è chiamata la

tabella periodica degli elementi

Anni fa sono venuto a conoscenza del principio logico detto ” Rasoio di Occam ” che

può essere formulato come segue: ” A parità di fattori la spiegazione più semplice è da preferire “

Avendo studiato meccanica e compreso delle ruote dentate che possono avere diametri diversi ma possono “Ingranare” solo se hanno il modulo uguale, ho pensato che forse gli elementi chimici si legano tra loro come se fossero delle ruote dentate.

Ho immaginato quindi che gli elementi chimici si uniscono tra loro perchè gli atomi solo se hanno

i ” denti” di cui sono dotati hanno lo stesso numero o molto vicini tra loro e solo così possono nascere le leghe metalliche

Qualcuno mi potrà dire che è vero e he è una cosa conosciuta.

Il mio pensiero sulla composizione della materia è diverso.

Riconosco la validità della tavola degli elementi però penso che gli elementi siano diversi tra loro NON per il numero di atomi ma per un altro motivo.

La mia tabella sarebbe quindi composta esattamente come quella conosciuta e con gli stessi numeri, con la differenza che le posizioni sarebbero determinate dal numero di giri che un elettrone compie attorno al nucleo.

Per comprendere il concetto immaginate il gioco del salto con la corda dove due persone tengono una corda in mano e la fanno ruotare mentre un’altra persona, posta in mezzo, deve saltare per non essere colpito dalla corda. 

Ecco che se la rotazione è, per esempio di un giro al secondo sarà facile stare al ritmo per un certo tempo.

Aumentando la frequenza si capisce che arriverà il momento che gli sarà impossibile non essere colpito.

Ora la mia tabella si trasformerebbe in questa forma:

N° elemento    Nome  N° Rotazioni elettrone in ” Δ t “
     
001  Idrogeno  001
002  Elio  002
003  Litio  003
004  Berillio  004
005  Boro  005
006  Carbonio  006
 007  Azoto  007
 008  Ossigeno  008
 009  Fluoro  009
 010  Neon  010
 011  Sodio  011
 012  Magnesio  012
 013  Alluminio  013

Ora si dovrebbe capire anche perchè elementi che hanno numeri di rotazione ” uguali o vicini ” si legano tra loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.