IL grande problema dei normali reattori che si utilizzano negli aerei, è che a quote oltre i 10.000 metri, trovano l’ aria troppo rarefatta, per funzionare ad elevato rendimento.

Lo stratoreattore risolve questo problema.

L’ invenzione come si vede dalla sezione, è formata da due turbine coassiali.

La prima e più interna funziona a quote che vanno da 0 a 8.000 metri, la seconda che entra in funzione a quote che vanno dagli 8.000 metri fino a 20.000 metri.

Oltre gli 8.000 metri, la turbina interna viene coperta dalle palette indicate in figura, formando una ogiva che aumenta la pressione dell ‘aria che viene incanalata nella stratoturbina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.