23 Gennaio 2020

Come molti sapranno, in Italia, c’è la cultura della pasta asciutta di grano duro.

La cottura è sempre a discrezione dei gusti personali ed a volte è cauda di discussioni fino ad arrivare al limite del dicorzio.

Questo perchè non esite un modo scientifico per stabilire il punto perfetto e personale di una cottura.

Il “Durometro per pasta” risolve, scientificamente, questo problema.

Il durometro è un semplicissimo durometro come esitono molti in commercio.

Questa versione, con display elettronico e indicazioni vocali, potrà essere utilizzato per certificare il grado di cottura con dei dati digitali.

Ecco così che se, dopo poche verifiche, si scoprirà che il progrio gradimento di cottura è di 273 g/s si potrà memorizzare il dato e comunicarlo anche eventualmente al ristorante che eventualmente ci si reca.

La versione opzionale del durometro, potrà avere anche un tabulato stampabile da consegnare assieme al piatto,anullando così ogni contestazione.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.